Il muro dipinto

Nel 1960 la Rocca Sforzesca di Dozza, sino ad allora residenza privata dei Marchesi Malvezzi-Campeggi, passò in proprietà al Comune. Dopo un adeguato restauro venne aperta al pubblico.

Nell’occasione la Pro Loco “inventò” il MURO DIPINTO : la prima edizione del giugno 1960 ebbe un grande successo di pubblico accorso numeroso ad assistere al lavoro degli artisti che affrescavano i muri esterni delle case del centro storico.

Con la preziosa collaborazione di noti Critici d’Arte e giornalisti si fece poi un salto di qualità trasformando il “Muro” in BIENNALE d’ARTE MODERNA.

Da allora insigni maestri della pittura nazionale e internazionale (Matta, Saetti, Sassu, Purificato, Brindisi, Sughi…) hanno realizzato sui muri delle case di Dozza grandi affreschi, contribuendo in maniera determinante ad elevare culturalmente ed artisticamente il Borgo Medievale e a far si che Dozza venisse definita la “capitale dell’affresco moderno”.

Gli artisti hanno lasciato all’organizzazione il “bozzetto” della loro opera murale: in questo modo è stato possibile allestire nei saloni della Rocca Sforzesca una eccezionale Galleria d’Arte moderna, la PINACOTECA del Muro Dipinto, corredata da una ricca documentazione fotografica delle varie edizioni: nella stessa Galleria sono depositate alcune opere murali “strappate” per salvarle dal deterioramento causato dagli agenti atmosferici.

Nelle edizioni del “Muro Dipinto” svoltesi finora, oltre 180 artisti hanno lasciato sui muri di Dozza la loro testimonianza artistica, trasformando di fatto il paese in una Galleria d’Arte permanente a cielo aperto.

Il Centro Studi e Documentazione del Muro Dipinto è visitabile su prenotazione al nr. 0542-678240.

14-20 SETTEMBRE 2015 NUOVA EDIZIONE DEL ” MURO DIPINTO”